You are here
Home > Sport >

Morte Maradona: l’omaggio di Insigne e Mertens

Quella di ieri non è stata una giornata come le altre in quel di Napoli. La morte improvvisa di Diego Armando Maradona, avvenuta il 25 novembre a causa di un edema polmonare, ha sconvolto l’intera città partenopea.

Idolo indiscusso della tifoseria napoletana, l’ex campione argentino aveva reso grande squadra e città come non lo erano mai stati prima. L’intera cittadinanza, nonostante gli assembramenti vietati dalla zona rossa, ha voluto comunque rendere omaggio al Pibe de Oro attraverso manifestazioni e celebrazioni per le vie della città. Omaggio a cui non si sono sottratti due simboli del Napoli attuale, Lorenzo Insigne e Dries Mertens.

IL RICORDO COMMOSSO DI INSIGNE

Il capitano degli Azzurri, prima della partita di Europa League contro il Rijeka, ha depositato un mazzo di fiori per l’ex campione argentino davanti allo stadio San Paolo. Insieme a lui c’era lo storico magazziniere Tommaso Starace e, dinanzi ai microfoni di Sky, ha voluto ricordare così il suo idolo di sempre: «Per tutti i napoletani rappresenta e rappresenterà tanto. Ci ha sempre difeso, ha portato Napoli e i napoletani nel cuore e noi abbiamo fatto e faremo altrettanto». Poi, l’attaccante della Nazionale ha proseguito: «È stato giusto ritirare la sua maglia numero 10, è stato il giocatore più grande di tutti i tempi e siamo orgogliosi che abbia indossato la maglia del Napoli e la fascia di capitano, è giusto che la 10 non la indossi più nessuno».

La foto Insigne con Maradona che l'attaccante del Napoli ha pubblicato su Instagram

Il giorno prima su Instagram, Insigne aveva voluto ricordare il suo primo incontro con Maradona, dove l’emozione di parlargli era tale da fargli tremare le gambe, senza dimenticare gli attestati di stima che El Diez aveva manifestato quel giorno all’attuale capitano del Napoli.

L’OMAGGIO DI MERTENS

Dries Mertens ha voluto rendere omaggio a Maradona dopo il match di Europa League vinto per 2-0 contro il Rijeka. Nella notte, il centravanti belga si è recato ai Quartieri Spagnoli, dinanzi allo storico murale dedicato al fenomeno argentino, e lì vi ha depositato un mazzo di fiori.

Mertens è da poco diventato il calciatore più prolifico di sempre della storia del Napoli. Alla sua ottava stagione nel club partenopeo, ha accumulato un bottino di 128 gol, cosa che gli ha permesso di superare sia Maradona che l’ex capitano Marek Hamsik in questa speciale classifica. Nel giugno del 2020, Maradona aveva riconosciuto il record del 33enne attaccante, definendosi orgoglioso di lui e augurandogli di vincere lo Scudetto.

Un frammento del video in cui Mertens rende omaggio a Maradona

Sui social, Mertens aveva salutato il Pibe con un lungo post, dove si era “scusato” per l’accostamento del suo nome con quello di Maradona e che, quando firmò per il Napoli nell’estate del 2013, il suo pensiero era andato subito alle magie fatte da Diego in azzurro. Mertens è legato in maniera viscerale alla città (viene chiamato Ciro dai tifosi napoletani), quindi, nel suo post, ha voluto ringraziare Maradona per quello che ha fatto per quella che ha definito “la nostra città”.

 

Lascia un commento

Top