You are here
Home > Sport >

Formula E, ufficializzato il nuovo circuito cittadino dell’EUR a Roma

Il campionato del mondo di Formula E ha svelato la nuova configurazione del circuito cittadino dell’Eur: rispetto all’esordio del 2018, la pista è stata rinnovata con tre nuove curve veloci e un’ ulteriore sezione di tornanti più tecnici. Le ventiquattro monoposto elettriche Gen2 si sfideranno nel cuore del quartiere di Roma il 10 aprile 2021.

  • Il circuito dell’EUR

Il nuovo tracciato risalta maggiormente il contesto spettacolare che offre il quartiere Eur, passando davanti a Palazzo dei Congressi e Piazzale Marconi. Da quest’anno le monoposto elettriche transiteranno anche davanti l’iconico Palazzo della Civiltà Italiana, definito “Colosseo Quadrato”. L’intero Parco del Ninfeo è incluso all’interno del perimetro della manifestazione. Viste le numerose criticità registrate negli anni precedenti sul traffico, la tappa italiana coinvolgerà in modo superficiale Via Cristoforo Colombo. Una modifica resa possibile con la collaborazione di residenti e aziende, i quali hanno proposto la soluzione per ridurre al minimo le interruzioni della mobilità durante le giornate precedenti e antecedenti alla gara. I lavori per l’allestimento della pista comprenderanno la riasfaltatura di gran parte del manto stradale coinvolto e la ristrutturazione totale del marciapiede di via Murri, segmento della città di particolare rilevanza storico-architettonica che rimarrà in eredità al quartiere.

  • I commenti

« Il nuovo layout è fantastico: ha rettilinei più lunghi e veloci, oltre a offrire maggiori possibilità di sorpasso – ha commentato il pilota brasiliano Lucas di Grassi –  Sono sicuro che i fan lo adoreranno, non vedo l’ora di correre lì. Con un design quasi completamente rinnovato per il tracciato di Roma, sia la FIA sia la Formula E hanno fatto ancora una volta un lavoro straordinario per rendere la Formula E ancora più eccitante ».

«Il circuito dell’EUR è da molti addetti ai lavori già considerato la pista più spettacolare ed esaltante del calendario, che rispecchia a pieno il DNA della Formula E – spiega il general manager Renato Bisignani – Quella di Roma è una delle piste preferite dai piloti e abbiamo cercato di lavorare mantenendo le stesse caratteristiche dal punto di vista sportivo, rendendo il percorso ancora più emozionante di quanto lo fosse già negli anni passati. Gli investimenti che abbiamo voluto dedicare a Roma in quest’anno difficile dimostrano il costante sguardo al futuro che è alla base della Formula E ».

  • Il Covid19

Nel 2020 il Gran Premio non si è disputato a causa della pandemia di Covid19, ma quest’anno l’appuntamento non è a rischio cancellazione. La partecipazione del pubblico è condizionata dalle normative vigenti legate al Covid-19:  la nuova disposizione permetterà di ospitare tifosi nella tribuna verde del Parco del Ninfeo, ma darà anche la possibilità di allestire tribune più grandi e un Allianz E-Village più ricco, accessibile e compatto per garantire un’esperienza più completa possibile per gli appassionati.

Fondamentale sarà anche l’eredità di Formula E per la città nel consueto programma di Legacy: nel 2019 l’evento Roma E-Prix aveva generato un impatto economico positivo di ben 60 milioni di euro e il nuovo circuito permetterà agli esercizi commerciali intorno a Via delle Tre Fontane e viale Tupini di beneficiare della vicinanza alla pista, ospitando eventi per i partner di Formula E.

Lascia un commento

Top