You are here
Home > Cronaca >

Vaccini: i ritardi nelle consegne Pfizer fanno slittare gli over 80 a febbraio

La catena delle vaccinazioni in Italia subisce ancora uno stop a causa dei ritardi nelle consegne dei vaccini Pfizer. A rischio chi deve sottoporsi alla seconda dose, prevista 21 giorni dopo la prima – termine oltre il quale il vaccino perde di efficacia.

I richiami per i medici restano la priorità; per questa ragione, le vaccinazioni per gli anziani over 80 sono state rimandate all’inizio di febbraio. Lo conferma Giorgio Sestili, fisico e ideatore della piattaforma web “Coronavirus – dati e analisi scientifiche”. Secondo Sestili, i ritardi nella campagna vaccinale costituiscono un problema ma non dovrebbero influenzare l’andamento della decrescita della curva dei contagi in modo significativo.

Pfizer avrebbe garantito il recupero delle dosi mancanti entro il 15 febbraio, con un graduale ritorno alla normalità già a partire dalla prossima settimana. L’ultimo lotto Pfizer, arrivato ieri sul suolo nazionale, conta 330mila dosi: il 29% in meno di quelle previste da contratto. Anche il lotto previsto in arrivo per la prossima settimana sarà al di sotto delle dosi previste, ma ad una percentuale più bassa. È arrivata poche ore fa all’aeroporto di Capodichino la seconda spedizione settimanale di vaccini Pfizer: con le circa 18mila nuove unità, il kit settimanale ammonta a 38.610 dosi da distribuire nei presidi sanitari in tutta la regione.

Da Nord a Sud, è previsto un calo delle somministrazioni dei vaccini in questa seconda fase della campagna, per scongiurare il termine delle dosi disponibili nonostante la maggior parte delle regioni abbia promosso attivamente le vaccinazioni.

Lascia un commento

Top