You are here
Home > Ambiente >

La regione Toscana autorizza la caccia, è scontro con le associazioni animaliste

Questo periodo costringe tutti alla reclusione totale. Le uniche possibilità per spezzare le catene del Covid-19 sono rappresentate da lavoro, spesa e salute. Non per tutti però , visto che in toscana è possibile praticare la caccia agli animali selvatici. La motivazione ufficiale stando al provvedimento emanato dal suo presidente Enrico Rossi è la sicurezza stradale oltre che la tutela della produzione agricola. Le associazioni a tutela dei diritti degli animali come Enpa e Wwf contestano tale decisione, sia perché le strade risultano essere attualmente frequentate pochissimo, sia per l’uccisione di specie protette quali volpi, storni, cinghiali.

Inoltre viene anche evidenziato come questa libera circolazione di chi ama l’attività venatoria, costituisca terreno fertile per la diffusione della malattia. Ulteriore tasto dolente è la totale assenza di qualsiasi controllo che alimenta la preoccupazione per stragi immotivate ed incontrollate. L’ordinanza parla anche di abbattimento selettivo, ma non va trascurato il particolare che la fauna tutta è parte integrante della natura e come tale va sempre tutelata e rispettata.

 

Lascia un commento

Top