You are here
Home > Cronaca >

Dpcm 4 novembre, cosa cambia a partire da domani

Dpcm 4 novembre 2020, primo piano di GIuseppe Conte in conferenza stampa

Entrata in vigore slittata di un giorno e misure severe per salvare il Natale. Il Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri firmato la notte tra il 3 e 4 novembre 2020 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale, ma entrerà in vigore con un giorno di ritardo, venerdì 6 novembre, così come ribadito dal Premier GIuseppe Conte in sede di conferenza stampa.

La sostanza non cambia ed è quella già spiegata dalla stampa negli ultimi due giorni, quando le bozze circolavano sui tavoli del Comitato tecnico scientifico e la Conferenza Stato-Regioni. Il Paese è diviso in tre aree, definite da tre colori: giallo, arancione e rosso. Scompare il verde, perché «la pandemia corre ovunque, non ci sono regioni e territori che possono sottrarsi a questi nuovi regimi di misure restrittive» ha spiegato Conte ieri sera, in una diretta che su solo su Facebook ha raccolto circa 200mila utenti.

In ogni regione la crisi pandemica verrà giudicata attraverso 21 criteri, tra i quali spiccano l’indice di contagio Rt e la pressione sul sistema sanitario. Se i dati dovessero rivelare un panorama instabile, il Ministro della Salute Roberto Speranza, di concerto con i Presidenti delle regioni, attuerà misure via via sempre più restrittive. Possibile restringere il campo di azione per ogni singola provincia di una regione di colore giallo, cioè a rischio moderato.

Il Dpcm scade il 3 novembre ma difficile pensare a una riapertura improvvisa di tutte le attività. Nonostante ciò, si lavora assiduamente per allentare il regime di controllo per la fine dell’anno: «abbiamo predisposto un momento difficile per affrontare il periodo natalizio con serenità – ha spiegato Conte – non sto pensando al Natale con veglioni, cene e abbracci tra amici, ma se ci arriviamo con un certo margine di serenità, la fiducia dei consumi non sarà depressa e ne gioverà l’economia». L’allarme è relativo ai consumi natalizi. Nelle settimane scorse gli esperti hanno stimato che eventuali strette natalizie possono minacciare perdite per 25 miliardi di euro. In un momento storico già difficile, le attività potrebbero non rialzarsi più, creando anche un crima di ulteriore pressione psicologica tra gli acquirenti.

Dpcm 4 novembre 2020, torna l’autocertificazione

Nelle zone arancione e rosse è difficile spostarsi. Bisogna rispolverare l’autocertificazione in attesa di un modello nuovo. I controlli verranno effettuati a campione e saranno contemplati solo spostamenti relativi a urgenze, salute, lavoro e necessità. Più morbido il regime nelle aree di colore giallo ma se queste confinano con zone ad alto rischio, gli spostamenti sono interdetti. Di seguito la grafica riassuntiva diffusa dal governo in queste ore.

 

Dpcm 4 novembre, grafica sulle misure nelle varie aree del Paese

 

Lascia un commento

Top